Tag Archives: shopping in Paris

Shopping a Parigi: le Big Four

 

 

shopping

Mentre ogni quartiere di Parigi ha la sua propria selezione di boutique allettante, quattro aree si distinguono come magneti shopping vero. Ognuno ha un carattere molto diverso, quindi ci sarà destinato ad essere uno che fa appello al tuo stile di shopping.

Dos Shopping e cosa non fare

> Non credere a quello che ho sentito parlare il francese è rude-è solo un altro luogo comune sulla base di malintesi culturali. ln realtà i francesi hanno un ben sviluppato il codice di cortesia che sarebbe stato considerato eccessivamente formale nel vostro paese.

> Non fare uno sforzo per utilizzare le cinque frasi di base francese di buone maniere: Bonjour (ciao); S’il vous plaît (please); excusez-moi (mi scusi); Merci (thank you) e Au revoir (good-bye ). Queste poche parole cambierà completamente il modo sarete trattati. Onesto.

> Do salutare il negoziante con “Bonjour, madame” (o “Monsieur”), come si entra in un boutique. Utilizzando la “Madame” tag potrebbe sentirsi strana, ma in Francia è un segno di élevé bien, o ben allevati.

> Do iniziano ogni domanda con “excusez-moi, Monsieur” (o “Madame”), anche se le parole successive di bocca sono in inglese. E ‘considerato rude per iniziare una conversazione senza prima scusare se stessi.

> Do dire “Merci, au revoir” sulla strada di una piccola boutique, anche se non si compra nulla. Ancora una volta, è il minimo in cortesia francese.

> Non prendertela personalmente, quando i negozianti non ritorna automaticamente il tuo sorriso. I francesi non sono semplicemente un gruppo sorridente, e non ha niente a che fare con voi.

Fantasy Land: The 8th

Se volete vedere dove Parigi ottiene la sua reputazione come un bastione di over-the-top di lusso, la testa per la 8th arrondissement sulla riva destra. Praticamente ogni uno dei designer di élite francese si basa in 8. Se ci sono due strade che positivamente respirare haute couture, sono avenue Montaigne (Metro: Alma-Marceau, Franklin D. Roosevelt) e rue du Faubourg St-Honoré (Metro: Concorde). Ci sono Parisiennes che fanno acquisti esclusivamente su queste due strade e, come ci si aspetterebbe, il quoziente snob è sky-high. Ma anche se non hai una carta di platino, si può avere una finestra di tempo buono helluva-shopping qui.

Mentre Honoré avenue Montaigne e rue du Faubourg St-vantano alcuni degli stessi grandi nomi della moda, sono completamente diversi per temperamento. Avenue Montaigne è ampio, elegante, e fiancheggiata da alberi di castagno. C’era una volta era pieno strettamente con i designer francesi, ma grazie a un afflusso di nomi internazionali è diventato innegabilmente dell’anca. Inizio al Pont de l’Alma fine, non c’è Dolce & Gabbana al n. 2, Prada a n. 10, Inès de la Fressange al n. 14, Giuseppe al n. 16, al numero 19 di Valentino, Christian Lacroix a n. . 26, Christian Dior al n. 30, MaxMara al n. 31, Nina Ricci al n. 39, Chanel at No. 42, Thierry Mugler al n. 49, Jil al n. 50, Louis Vuitton, al numero 54, e Escada al n. 57.

Rue du Faubourg St-Honoré è più ristretto, con marciapiedi piccoli, ed è sempre pieno zeppo di clienti. Se si inizia all’incrocio tra rue Royale e dirigetevi verso ovest, vi imbatterete in Gucci al n. 2, Hanae Mori al numero 9, Lolita Lempicka a n. 14, Lanvin al n. 15, Karl Lagerfeld al n. 19, Hermès (pronunciato “Air-mess”) al numero 24, Valentino al n. 27, Hervé Léger al n. 29, Yves Saint Laurent al n. 38, Versace al n. 62, Sonia Rykiel al numero 70, e Christian Lacroix al n. 72.

  L’Hot Kid on the Block

A pochi isolati a est di Rue Royale è Colette, 213 rue St-Honoré, 1 er, un must-stop per l’eagle-eyed watchers tendenza. Le vetrine Emporium tutto ciò che anca e ora in casa di design, prodotti di bellezza, arte, moda e accessori, con prezzi che vanno dal molto ragionevole al astronomiche. Al piano di sotto è un high-tech cafe con cibi leggeri e più di 40 marche di acqua in bottiglia in offerta.

Rarefatta Chic: The 6

Ogni tanto in tanto un quartiere ottiene un infuso di karma shopping ed emerge come la beniamina di vendita al dettaglio di Parigi. Proprio ora che è il 6 ° posto. È la meta ideale se hai solo assegnata una mattina o un pomeriggio di shopping. Il 6 è sempre stato un quartiere magico pieno di una minuscola-of-a cortili-boutique genere, antiquari, gallerie d’arte, decoratori d’interni, ricoperto d’edera e caffè in cui si potrebbe tranquillamente passare il resto della tua vita. Cosa c’è di nuovo è che i ragazzi Luxe grande dalla riva destra si sono spostate dentro Louis Vuitton, Dior, Armani, Gucci, Hermès, Cartier e hanno già aperto filiali qui, e altri sono a ridosso. Ancora, è il piccolo, one-of-a-negozi specializzati tipo che rendono questo quartiere come un piacere. Boutique della zona specialità migliori sono sproporzionatamente cluster su e intorno a Place Saint-Germain-des-Prés (Métro: St-Germain-des-Prés), luogo d’Acadie (Metropolitana: Mabillon), luogo e St-Sulpice (Métro: St -Sulpice). Ma il modo migliore per fare il 6 è semplicemente passeggiare le sue strade, con un occhio di pelati per le scoperte casuale. Qui di seguito sono solo alcuni momenti salienti.

> Boulevard Saint-Germain è trascinare principale riva sinistra del fiume, con una matrice adeguatamente allettante di negozi. Testa a Shu Uemura al n. 176 per i prodotti cosmetici che vengono in voga in una tonalità zillion, e per Kashiyama al n. 147 per uno sguardo a ciò che la maggior parte del mondo designer di tendenza si stanno rivolgendo in questi giorni.

> Rue de Seine è favoloso per la quintessenza oggetti francese. Bensimon a n. 54 azioni del tipo di strisce cime marinaio bretone che ogni ragazza francese guardaroba grazia vacanza. Souleiado al n. 78 è il nome di sciarpe, borse, biancheria e nelle tradizionali modelli provenzali. E La Maison Ivre, un mezzo isolato di distanza a 38 rue Jacob, vende ceramiche da tutta la Francia.

> Rue du Four ha due don’t-miss negozi delle donne, Tara Jarmon al n. 18, per chic, streetwear sottostimati e Au Vrai Chic Parisien al n. 47, per il retro stile francese. Anche la pena di verificare sono il divertimento e le scarpe funky a Boot Shop at No. 20, Mosquitos al numero 25, e la Free Lance al n. 30. Scarpa Bizz, vicina al 42 rue du Dragon, riproduce gli stili più recenti calzature per il 30% in meno rispetto troverete altrove.

> Rue du Vieux Colombier dove è venuto per questo apparentemente senza sforzo, look chic parigino. Provare Victoire al n ° 15 week-end per l’abbigliamento maschile elegante e Claudie Pierlot al numero 23 “per la donna favolosa che ribolle tra retrò e classica. Solo sulla corsa altri del luogo St-Sulpice, la Boutique Elle, 30 rue St-Sulpice, uno spin-off della famosa rivista femminile, è rimasto in cui le ragazze Banca negozio per separa classico.

Artsy Ecclecticism: The 4th

Il Marais (4e) è idilliaco, di definizione delle cartoline, piena zeppa di studi di artisti ‘, cortili segreti, magnifici palazzi rinascimentali, e alcuni dei negozi più originali della città.

Rue des Francs-Bourgeois è l’arteria principale del quartiere, pieno di un blocco, con jewel box negozi di dimensioni di ogni risma. E non perdere rue des Rosiers, una destinazione di moda a sé stante con le sue bianche-designer caldo in piedi spalla a spalla con delis ebraica. Tutto è molto vicino al Marais, quindi non abbiate paura di passeggiare lungo la lave più piccolo ogni volta che capriccio. Parte del divertimento di questo quartiere è che è un misto borsa shopping.

Highlights Marais comprende Paule Ka, 20 rue Mahler, per il tipo di abbigliamento da donna senza tempo, Grace Kelly e Audrey Hepburn utilizzati per usura; Argenterie des Francs-Bourgeois, 17 rue des Francs-Bourgeois, per bracciali economico a base di epoca vittoriana argenteria; L ‘ Eclaireur, 3 ter, rue des Rosiers, per il taglio-bordo designerwear che disegna un seguito fedele celebrità, Anne Sévérine Liotard, 7 rue Saint-Merri, per candele che fungono anche da oggetti d’arte e di bruciare per sempre; Lunettes Beausoleil, 28 rue du Roi Sicile, per occhiali da sole alla moda che ogni piatto faccia; Extrem Origine, 10 rue Ferdinand Duval, per ultrachic di interior design che utilizza solo elementi naturali e Shamballa, 30 rue de Sévigné, per l’eye-catching gioielleria contemporanea di uomini e donne.

Time-Savers

Salvare il Marais per un pomeriggio di Domenica. Mentre il resto della città è praticamente chiuse, questa enclave incantevole strade acciottolate e boutique funky rimane chiedo-animate.

Cheap & Cheerful Souvenirs

Ain’t Got tonnellate di denaro rimasto, ma voglio tornare a casa con un ricordo nifty? Prova la Seine-librai laterali per il telaio-degna vintage annunci francesi di vecchie riviste. Le bancarelle interni al mercato delle pulci di Saint-Ouen, 18e (Métro: Clignancourt, aperto Sabato a Lunedi Sam a 6), vendere cartoline affascinanti di Parigi, circa 1900 al 1940. Né di Francia due negozi dime onnipresente, Monoprix e Prisunic, sono il luogo dove andare per poco costosi prodotti cosmetici Bourjois (fatta nelle fabbriche di Chanel). Stop di una farmacia per Roger & Gallet gel da bagno profumato, pura savons ortaggi de Marseille (saponi), e prodotti per capelli Klorane. La Vaissellerie, 332 rue Saint-Honoré, ler, vende questi ciotola enormi tazze colazione a forma di che sono tipicamente francese. Louis Vuitton (vedi “Fantasy Land: The 8th,” di cui sopra), fa un carnet de voyage, un album pieno di acquerelli di attrazioni di Parigi e l’abbondanza di spazio per annotare i ricordi di vacanza. E, infine, per gli amanti dei ricordi kitsch, potete prendere in miniatura che la Torre Eiffel o di Coppa del Mondo ’98 T-shirt (ora un prezzo di vendita) in uno dei negozi di souvenir in rue de Rivoli, ler (Métro: Tuileries, Palais – Royal, o Louvre-Rivoli).

Young & Trendy: The 2nd

Mentre Jacks l’atmosfera di St-Germain-des-Prés e il quartiere del Marais, 2 ° arrondissement, dove è giovane, hip parigini con più pizzico di testa in contanti per un look più trendy di questa stagione. Con la notevole eccezione di Place des Victoires, un hub di designerwear pricey, tutti i migliori negozi della 2a avviene in una zona chiamata il Sentier. Questo è il quartiere di Parigi indumento, che sanguina in angoli del LST e 3. Il nome del gioco qui è sfruttare le tendenze a buon mercato, un concetto che può rendere couturier haute smorfia, ma di certo uno che fa della moda più democratica.

Molti dei migliori negozi si trovano all’interno di un quadrato formato a sud, da rue Rambuteau, a ovest dalla rue du Louvre, a nord, da rue Réaumur, e ad est dalla rue St-Martin. Questa tasca RAGTAG della città è assolutamente favoloso per hip campane di seconda mano, clubwear funky, e “boutique” stock di vendita designerwear della scorsa stagione a prezzi scontati.

Da non perdere Mon Amie Pierlot, 3 rue Montmartre, ler, per Claudie Pierlot (vedi “The Chic rarefatta: The 6th,” di cui sopra), meno costoso, casual di linea Agnès B., 3-6 rue du Jour, ler, per Nozioni di base chic senza tempo per gli uomini e le donne; Kiliwatch, 64 rue Tiquetonne, 2e, per retro supercool sembra che sarà sulle piste del prossimo anno (progettisti venuto qui per l’ispirazione), Le Shop, 3 rue d’Argout, 2e, per due piani di CLUBWEAR dalla Francia’s hottest giovani designer, Orb, 39 rue Etienne Marcel, ler, per la wild-‘n grosso calzature urbane, Et Vous Stock, 15 rue de Turbigo, 2e, per invenduti dello scorso anno, gli stili di Et Vous a metà prezzo; Kookaï Le Stock, 82 rue Réaumur, 2e, per massicce riduzioni sui vestiti Kookaï.